Consigli alimentari in gravidanza

Vuoi una famiglia numerosa? A che età iniziare? Te lo dice il «calcolatore di fertilità»
27 ottobre 2015
Cardiologia – Confronto sulle novità in fibrillazione atriale
2 settembre 2016

CONSIGLI ALIMENTARI IN GRAVIDANZA

La qualità dell’alimentazione della donna in gravidanza influisce sulla salute del nascituro. A partire dal periodo pre-concezionale, e per tutta la durata dell’allattamento, è importante seguire un’alimentazione equilibrata, cioè adeguata da un punto di vista quantitativo e qualitativo, per favorire la salute della gestante e del nascituro, assicurando al feto tutti i nutrienti di cui ha bisogno per il proprio sviluppo.

E’ importante che l’alimentazione sia varia e che assicuri l’introito dei micronutrienti , il cui fabbisogno aumenta notevolmente in questa fase.

Ecco alcuni suggerimenti:

  1. Consumare 5 o 6 past al giorno, effettuare pasti più piccoli e con maggior frequenza.
  2.  Bere molta acqua.
  3.  Limitare l’uso del sale (preferendo il sale iodato).
  4. Consumare alimenti contenenti carboidrati complessi tutti i giorni (pasta, pane, farro, orzo, riso, legumi…). Essi devono rappresentare la fonte principale di energia.
  5. Aumentare l’introito di proteine ad alto valore biologico, di ferro, di vitamina B12 e di zinco consumando carne, pesce, uova, latte e latticini.
  6. Consumare pesce grasso almeno 2 volte alla settimana in quanto fonte di proteine nobili, iodio e acidi grassi omega 3 (alici, sardine, sgombro, salmone..) questi ultimi sono fondamentali per lo sviluppo nel feto della retina e del sistema nervoso centrale. Sono sconsigliati i pesci di taglia grande (tonno, pesce spada, squalo..) a causa del possibile accumulo di contaminanti.
  7. Consumare latte e derivati in quanto alimenti proteici e ricchi in Ca.
  8. Consumare 5 porzioni di frutta e verdura perché ricchi in vitamine (acido folico), minerali e fibre. (Si consigliano 2 frutti al giorno).
  9. Per condire utilizzare olio extravergine di oliva.
  10. Preferire le modalità di cottura più leggere come la lessatura, al cartoccio, al vapore…
  11. Evitare l’alcol perché teratogeno (è consentito un bicchiere di vino alla settimana durante il pasto).
  12. Evitare il consumo di fegato di vitello in quanto ricco di vitamina A.
  13. Evitare il consumo di bevande nervine (caffè. thé, cola, cioccolata…).
  14. Evitare il consumo di dolci.
  15. Non fumare.

Dott.ssa Maria Pia D’Aleo

Chat